L’Entella lotta ma non punge e cede al Venezia da trasferta 0-2

Si ferma l’Entella ed esce per la prima volta sconfitta pur in una partita nella quale non ha demeritato. Inevitabilmente condizionata dal gol a freddo segnato dal Venezia, la gara ha visto un copione che, certamente,  non era quello studiato da Boscaglia alla vigilia ma che ha visto i suoi ragazzi comunque impegnati a creare probabilmente più che nelle partite precedenti, almeno in termini di azioni da gol, mancando tuttavia del giusto cinismo e della giusta precisione nella stoccata finale.

Nel calcio si sa partite come queste non sono rare e come ama ripetere spesso il tecnico siciliano bisogna essere bravi quando non si riesce a vincere almeno a non perdere. L’Entella ce l’ha messa tutta anche sul doppio svantaggio per cercare di alimentare un minimo di speranza ma come detto probabilmente non era serata.

Nel mini turn over scelto da Boscaglia trovano spazio Toscano per Eramo, e Manuel De Luca in luogo di Mancosu con a fianco l’altro ariete Morra. L’avvio ad handicap come detto ha finito per condizionare la partita con Capello lasciato troppo solo sulla punizione battuta da Modolo e addomesticata da Montalto.

L’Entella inizia il suo gioco e il Venezia si mette nella condizione ottimale di aspettare per ripartire in contropiede potendo contare sull’esperienza e la mobilità di Bocalon e Montalto ben assistiti da un Capello in stato di grazia. Passano pochi minuti infatti e proprio il n° 24 parte bene dietro alla linea difensiva, si presenta davanti a Contini come sempre attento nelle uscite. Non è un caso che ad oggi tutti i punti conquistati dai lagunari siano venuti dalle trasferte.

I biancocelesti contrappongono l’intelligenza di Schenetti bravo a cercare gli  spazi lasciati dal Venezia diventando di fatto l’attaccante più pericoloso.  Nizzetto sfiora il palo con un missile su punizione quindi al 20 il gol sembra fatto: Coppolaro serve un gran pallone  in profondità a Schenetti,  controllo perfetto e destro potente che spacca la traversa di Lezzerini e torna in campo.

L’Entella rimane in avanti, Morra mette un buon assist per De Luca anticipato dall’uscita provvidenziale del portiere, quindi Schenetti entra in area da destra non vede De Luca e calcia su Lezzerini in uscita, sulla ribattuta ancora De Luca viene anticipato. Nella ripresa ci prova   subito Schenetti ad impensierire Lezzerini che si oppone bene e sulla ribattuta ci pensa Ceccaroni ad anticipare De Luca pronto a porta vuota.

Il Venezia attende sornione il momento propizio per chiudere la partita che arriva inesorabile a metà ripresa quando il neoentrato Zuculini pesca ancora Bocalon, bravo ad inserirsi alle spalle della linea difensiva di casa, eludere l’uscita di Contini e depositare in rete.. Boscaglia cambia qualcosa, dentro Eramo per Toscano, Mancosu per De Luca e successivamente Beppe De Luca per Morra.

L’Entella come nel suo dna continua a provarci costruendo un’altra occasione pericolosa con Paolucci che mette un filtrante in area, De Luca lo scippa a Sala ma la sua conclusione termina sull’esterno della rete. Gli ultimi 13 minuti il Venezia li gioca in 10 per un ingenua reazione di Maleh su Pellizzer ma il risultato non cambia e al Comunale si consuma il primo stop stagionale degli uomini di Boscaglia che non hanno demeritato ne sul piano dell’impegno ne su quello del gioco difettando in zona gol.

Nessun dramma ovviamente soltanto il rammarico per un distrazione a freddo costata cara e per un pizzico di imprecisione sottoporta altrettanto decisiva in negativo. La squadra torna in campo domattina per iniziare a preparare la difficile trasferta di Benevento a chiudere questa settimana intensa con i 3 impegni ravvicinati.

marcobianchi