Quinta categoria, l’Entella FS continua a stupire

Un progetto che parte da lontano con una finalità davvero speciale. I nostri ragazzi della Virtus Entella FS sono stati artefici di una stagione strepitosa, conclusa al primo posto nel girone, senza subire neppure una sconfitta. Sport e integrazione si sposano alla perfezione in un progetto bellissimo nel quale si vuole simbolicamente dare un calcio alle barriere, divertendosi tutti insieme rincorrendo quel magico pallone. “È stata una stagione davvero indimenticabile”, spiega mister Pusceddu, “I ragazzi sono riusciti a fare un percorso calcistico davvero invidiabile concludendo al primo posto senza perdere neanche una partita. Siamo riusciti a metterci dietro squadre del livello di Juve, Sampdoria e Torino e questo per noi è motivo d’orgoglio. Si è creato uno spirito di squadra davvero speciale propedeutico per affrontare e superare le difficoltà della vita”. Grazie all’incredibile risultato raggiunto, i biancocelesti si sono guadagnati la possibilità di giocare due appuntamenti davvero prestigiosi. “Il primo posto in classifica, oltre a garantirci la promozione in quarta categoria, ci darà la possibilità di vivere due momenti indimenticabili”, prosegue il tecnico, “Questo fine settimana, infatti, giocheremo a Novarello un quadrangolare contro le vincenti degli altri gironi in una sorta di Supercoppa Lega-Pro, mentre a fine mese scenderemo in campo in Valtellina a giocarci lo scudetto con le migliori otto squadre d’italia. Siamo carichi come non mai e vogliamo dare il massimo in questi due appuntamenti. i ragazzi ormai hanno l’Entella nel cuore e sono diventati dei veri tifosi. il giorno della promozione  in serie B della prima squadra noi avevamo appena vinto il nostro campionato e stavamo rientrando a casa in pullman e al momento del gol di Mancosu c’è stata un’esultanza incredibile. Voglio ringraziare di vero cuore il DG Matteazzi, il Presidente Gozzi e Sabina Croce che con l’Entella nel Cuore è sempre al nostro fianco”. Una realtà meravigliosa da cui si può solo che imparare. Questa è la storia di un gruppo di ragazzi innamorati della vita, savonesi di nascita, ma con l’Entella nel cuore