Volpe: “Usciamo a testa alta, abbiamo giocato alla pari con tanti giovani”

Arrabbiato per il risultato, ma orgoglioso per la prova dei suoi. Sentimenti contrastanti per Mister Volpe al termine del match di Coppa Italia perso dopo i tempi supplementari contro il Padova.

 

“Sono molto arrabbiato per il risultato, ma allo stesso tempo credo che i ragazzi abbiano fatto una buona partita”, commenta il tecnico biancoceleste. “Siamo andati a giocare con personalità su un campo difficilissimo, contro una squadra costruita per stravincere il campionato. Siamo stati in partita fino alla fine e ci siamo arresi soltanto per degli episodi. I giovani sono la linfa della nostra società e oggi sono molto contento di come si siano comportati. Ho potuto schierare in un match ufficiale due 2001, due 2003 e nel secondo tempo è entrato anche un 2004 e questo deve renderci orgogliosi”.

 

L’Entella era riuscita ad andare in vantaggio a metà secondo tempo, ma i padroni di casa hanno pareggiato immediatamente, prima di segnare il gol vittoria allo scadere del primo tempo supplementare. “Purtroppo gli episodi non ci hanno sorriso”, prosegue Mister Volpe, “la differenza di esperienza nei momenti topici è stata determinante, come era normale che fosse. Gli ingressi di Ronaldo e Chiricò hanno certamente aumentato il tasso tecnico dei nostri avversari, ma nonostante questo siamo stati in partita fino alla fine. Peccato per il gol preso nei supplementari perchè il tempo era praticamente scaduto, ma il calcio è questo e il gesto tecnico di Chiricò è stato decisivo”.

 

Prendere il buono da questa partita e pensare subito al campionato, domenica, infatti, l’Entella giocherà ancora in trasferta contro l’Ancona Matelica. “Adesso dobbiamo recuperare e voltare subito pagina. Ripeto, al di là del risultato ho avuto delle risposte importanti e questo ci deve dare fiducia per il prosieguo del campionato. Ad Ancona sarà dura, ma l’atteggiamento della squadra mi piace e la partita di oggi ha confermato quanto il gruppo sia unito”.