Entella-Venezia 0-2: al Comunale passano i lagunari di Zanetti

L’Entella non riesce a voltare pagina contro il Venezia. Ad ottenere i 3 punti al Comunale è la squadra di Paolo Zanetti grazie alle reti di Forte e Ceccaroni, segnate entrambe nella ripresa.

 

Mister Bruno Tedino sceglie un 3-4-1-2 con diverse novità rispetto al match contro il Lecce. L’undici scelto dall’allenatore biancoceleste: Borra; Pellizzer, Poli, Chiosa; De Col, Mazzocco, Brescianini, Currarino; Morosini; De Luca, Brunori.

 

L’Entella parte forte con De Col che scende bene sulla destra e crossa bene per Brescianini: colpo di testa e miracolo di Lezzerini, sul tap-in arriva ancora De Col ad insaccare ma l’arbitro Camplone annulla per fuorigioco. Venezia che reagisce con l’ex Aramu, vicino al gol su punizione, e poi con un colpo di testa di Ceccaroni parato da Borra. Al 13’ Tedino costretto subito a un cambio per un infortunio di Brescianini, al suo posto Toscano. Ancora i lagunari dalle parti di Borra con Forte trovato a rimorchio, ma la conclusione è ancora una volta debole. Poche occasioni da qui in poi, in un primo tempo equilibrato.

 

La ripresa comincia nel peggiore dei modi per l’Entella, che subisce gol dopo soli 4 minuti: sugli sviluppi di un corner è Forte a mettere dentro il vantaggio del Venezia dopo una serie di rimpalli in area. Impegnato poi Borra su tiro da fuori area di Ceccaroni e Tedino prova a cambiare le carte in tavola: fuori Brunori e Morosini, dentro Mancosu e Cardoselli. Reagisce l’Entella con un diagonale di De Luca parato da Lezzerini dopo una bella azione portata avanti da De Col e Mancosu. Il mister biancoceleste passa ad un assetto offensivo ed esaurisce i cambi: Cleur e Petrovic rilevano Currarino e Poli. Nulla da fare però: raddoppio del Venezia a un quarto d’ora dal termine con Ceccaroni che trafigge Borra ancora su calcio d’angolo, colpendo indisturbato di testa.

 

Nel finale il Venezia amministra e l’Entella non riesce a riaprirla. 0-2. Niente da fare per i biancocelesti, ancora sconfitti in casa dopo il ko col Lecce.