Una magia di Dionisi batte una buona Entella 1 – 0

Tutte le sconfitte ovviamente fanno male ma il modo in cui maturano fa la differenza per capire eventuali errori o difetti di interpretazione, nella sconfitta di oggi a Frosinone l’Entella può sicuramente rimproverarsi una certa difficoltà soprattutto nello svolgimento finale dell’azione ma nel complesso, il fatto di aver giocato 95 minuti alla pari contro un Frosinone in ascesa, ulteriormente rinforzato dal mercato appena concluso, è sicuramente da considerarsi un elemento positivo.

La squadra di Boscaglia che, Schenetti a parte ha ritrovato tutti i suoi effettivi, ha messo in mostra la consueta personalità unita all’organizzazione di gioco che raramente è mancata ai biancocelesti. L’avvio deciso dei ciociari non ha sorpreso più di tanto l’Entella che ha saputo ben presto reagire. Il tutto senza che Contini e Bardi subissero conclusioni pericolose verso le rispettive porte, con il gioco che ha vissuto di duelli intensi a centrocampo  dove gli ospiti hanno saputo fare intensità per impedire ai padroni di casa di sviluppare trame offensive.

Ne è conseguito appunto un primo tempo senza troppe emozioni ma non noioso e segnato purtroppo dall’infortunio di Manuel De Luca che ha lasciato il campo a Mancosu. Non cambiava di molto il copione nella ripresa, la squadra di Nesta cercava di sorprendere l’Entella sugli esterni dove però Sala e Coppolaro facevano come sempre buona guardia. In questo tipo di partite per rompere l’equilibrio serve di solito o una palla inattiva o una giocata del singolo che cambi la partita.

Purtroppo per l’Entella la giocata arrivava dopo 10 minuti. Lampo di Ciano, servito da Tabanelli, che fa partire un diagonale pericoloso deviato da Contini sul palo, la palla esce al limite dove la raccoglie Dionisi che pur guardato a vista si accentra leggermente e lascia partire una carezza di destro a giro che bacia l’incrocio dei pali e si spegne alle spalle dell’incredulo Contini. Un gol tanto bello quanto pesante per gli uomini di Boscaglia che tuttavia ci hanno abituati a ben altri tipi di rimonte. Si mette subito all’inseguimento l’Entella con Toscano che rileva Settembrini e poco dopo Chaija che esordisce rilevando Currarino.

Biancocelesti più vivaci e Frosinone che arretra un pochino ma l’occasione più ghiotta per l’Entella arriva allo scadere: Toscano sempre molto attivo, inizia la manovra che porta Coppolaro, instancabile pure lui, ad un cross perfetto per la testa di Mancosu che solo a centro area incredibilmente manca la deviazione a pochi passi da Bardi. Qui si spengono le velleità chiavaresi archiviando una sconfitta che come detto brucia molto meno di tante altre. Si torna in campo al  più presto per preparare la partita interna contro il Pescara ed inserire gli ultimi due innesti portati dal mercato, Dezi e Rodriguez, giocatori che hanno tutte le caratteristiche per far compiere all’Entella un salto di qualità in avanti. Per concludere la consueta nota di merito ai tifosi che anche oggi non hanno fatto mancare il loro apporto allo Stirpe.

marcobianchi