Tornati allo stadio, tornato il pubblico, tornata la vittoria. In Coppa passa l’Entella

Che bello tornare in campo, che bello tornare allo stadio e soprattutto che bello tornare a vincere, ad esultare per un risultato che dopo tanti mesi sorride all’Entella. La squadra di Gennaro Volpe ha saputo gestire al meglio ogni fase di un incontro reso difficile dall’entusiasmo del Fiorenzuola, da alcuni giocatori particolarmente ispirati, bravi ad impensierire l’area biancoceleste. Paolucci e compagni hanno iniziato comprensibilmente contratti, tesi e quasi emozionati per questa “prima” dopo un precampionato segnato tanto per cambiare dal Covid,  nel quale si sono giocate troppo poche partite “vere”.

Il tempo di far sfogare la formazione di Tabbiani e a poco a poco l’Entella prende possesso della partita, sistemando le distanze dilatate dal 4 3 3 ospite e mettendo un po di ordine a centrocampo dove la qualità non manca di sicuro ma il sacrificio fatto da Dessena, Paolucci e i ripiegamenti di Schenetti e Morosini permettono ai chiavaresi di costruire qualcosa di pericoloso. Nel finale di tempo prima Dessena di testa su cross di Barlocco e poi Paolucci con un siluro da fuori area uscito di poco, sfiorano il gol del vantaggio dopo che il Fiorenzuola in contropiede e su palle inattive aveva creato qualche problema alla difesa di casa.

La ripresa è differente, vuoi perché gli emiliani avevano speso parecchio in quell’inizio gara cosi entusiasmante e vuoi perché, negli spogliatoi, Volpe ha sistemato ulteriormente le posizioni in campo. Ne è uscita una squadra ancora più ordinata, e determinata a chiudere la partita nei tempi regolamentari. Un paio di occasioni nei primi 10 minuti quindi inizia, per entrambe le squadre, il valzer delle sostituzioni, inevitabili a questo punto della stagione quando ancora le gambe dei giocatori non girano a mille. Volpe richiama la coppia di attaccanti Morosini e Magrassi, generosi entrambi, tentativo di dare freschezza all’attacco biancoceleste, inserendo Capello e Merkaj.

La partita si sblocca intorno alla mezzora della ripresa quando una bella e incisiva azione di Barlocco viene interrotta da una spinta nel cuore dell’area ospite. Calcio di rigore senza esitazioni da parte del direttore di gara: dal dischetto va il Capitano Paolucci che angola bene e segna il gol decisivo facendo “tuonare” dopo davvero tanto tempo lo stadio Comunale e i suoi 500 presenti per questa prima stagionale.

Nel finale di partita Volpe senza troppi fronzoli gestisce il risultato rendendo cosi vani i tentativi di un Fiorenzuola volenteroso fino alla fine. Il triplice fischio è davvero una liberazione e al tempo stesso l’inizio di una cavalcata che ci auguriamo possa portare tante serate come questa e condurci il più lontano possibile in questa nuova avventura appena iniziata.

                 

marcobianchi