Lassù c’è anche l’Entella. Cesena dominato 3-1

Nel momento decisivo l’Entella sfodera la sua migliore prestazione dominando il Cesena e rifilandogli un gol in più di quelli subiti in tutte le trasferte disputate fin qui dai romagnoli. Gia i numeri parlano chiaro per descrivere quella che è stata la partita di oggi, affrontata dagli uomini di Volpe con lo spirito giusto e tatticamente ineccepibili nell’aggredire l’avversario impedendogli di giocare con dispendiosi ma redditizi raddoppi di marcatura in ogni zona del campo.

Ineccepibili anche le scelte di Volpe che schiera Di Cosmo per Lipani e Merkaj per Magrassi. Serviva maggiore generosità nella corsa e nel sacrificarsi per gli altri, compiti svolti al meglio dai due biancocelesti che non a caso risulteranno i migliori in campo tra le fila di casa. Ma è difficile stilare classifiche di merito in una partita nella quale Borra anche oggi ha tolto qualche castagna dal fuoco, Chiosa e Coppolaro sempre sicuri, Barlocco e Cleur diligenti sull’esterno mentre nella linea centrale al di la di Paolucci le cui prestazioni non fanno più notizia, Karic e il gia citato Di Cosmo hanno fatto la differenza grazie anche ai sacrifici in ripiegamento di Capello e delle punte. Insomma, quel che si dice una partita preparata bene e interpretata meglio.

Fin dai primi minuti è apparso chiaro che a condurre la partita sarebbe stata la squadra di casa, il Cesena, quasi intimorito, non riesce quasi mai a distendersi e più in generale a costruire una azione degna di nota, mentre l’Entella arriva due volte al tiro in 5 minuti pur senza impensierire più di tanto Nardi. Manovra fluida e veloce al tempo stesso e soprattutto grande agonismo nel momento di recuperare palla con tutti i giocatori ad aiutarsi in ogni zolla del campo. Il gol che premia i biancocelesti arriva poco prima della mezzora: Capello dialoga con Di Cosmo e al limite dell’area disegna una parabola perfetta sul secondo palo dove Merkaj in tuffo di testa prende il tempo al difensore e fa esplodere una prima volta il Comunale.

Tarda ad arrivare la reazione dei romagnoli che a sorpresa trovano il pareggio proprio allo scadere quando Favale crossa al bacio sul primo palo dove Pierini incorna da pochi passi. Una beffa che non scalfisce le certezze dei chiavaresi, subito reattivi e determinati al ritorno dagli spogliatoi. Lescano fa le prove un paio di volte per il gol e al terzo tentativo fa centro grazie ad un gran lavoro di Di Cosmo che ruba palla in mezzo e la serve con i giri giusti al centravanti argentino glaciale nel battere Nardi in diagonale. È il gol che galvanizza l’Entella con Lescano che 5 minuti dopo gira bene uno schema su punizione mettendo di poco a lato.

Iniziano i cambi e Morosini e Silvestre, al rientro dopo l’infortunio, rilevano Capello e Chiosa. Dopo un tentativo velleitario dell’ex Ardizzone e una parata di Borra su Steffè,  l’Entella la chiude: Lescano innesca Morosini che se ne va a tutta velocità, allarga su Di Cosmo dal cui piede parte il secondo assist di giornata per Merkaj che in scivolata accompagna il pallone in rete per l’esultanza rinnovata di tutto il Comunale. Entra anche Magrassi per Lescano e subito Nardi deve respingere miracolosamente di piede sull’attaccante di casa.

La partita finisce qui e persino nel recupero l’Entella  sfiora ancora il gol con il solito Di Cosmo e Morosini a suggellare una superiorità mai in discussione nel corso della partita. La strada è sempre lunga ma il segnale dato oggi dai ragazzi di Volpe è di quelli importanti e tutti, addetti ai lavori e non, dovranno tenerne conto.

               

marcobianchi