L’Entella si sveglia tardi il Chievo la contiene 2 – 1

Interrompe la sua striscia positiva l’Entella che, contro il Chievo, su un campo che non ha mai regalato punti ai biancocelesti, esce dal campo sconfitta di misura. Dopo aver retto bene per tutto il primo tempo gli uomini di Vivarini sono stati sorpresi da un avvio di ripresa veemente dei gialloblu bravi a trovare l’uno due vincente con Ciciretti e Manuel De Luca. Due colpi che l’Entella non ha somatizzato subito impiegando qualche minuto prima di imbastire una reazione a tutti gli effetti grazie anche ai cambi effettuati da Vivarini.

Se è vero che da ogni prestazione bisogna prendere il buono e al tempo stesso analizzare gli errori è certo che il primo tempo di contenimento dei chiavaresi ha messo in mostra una volta di più l’organizzazione di gioco, lo stare in campo ordinati e propensi al sacrificio pur senza riuscire ad essere quasi mai incisivi in attacco dove Mancosu e De Luca sono rimasti a lungo senza rifornimenti. Come spesso è accaduto a questa squadra da tre anni a questa parte si sente eccome ogni qualvolta viene a mancare il suo regista il suo uomo chiave Paolucci, assente per squalifica.

La prova di Brescianini tuttavia è stata comunque positiva, forse più in fase di contenimento che non in quella propositiva, nonostante il meraviglioso lancio assist in occasione del gol di Brunori. Ovviamente rilevante anche la forza dell’avversario che rimane nel lotto delle papabili al salto di categoria in virtù di una rosa ben assortita qualitativamente che con ogni probabilità verrà ulteriormente arricchita in questa fase di mercato.

Altro elemento positivo indubbiamente è la conferma di Russo che in più di un occasione soprattutto nel primo tempo è risultato determinante assicurando al reparto difensivo tranquillità e poco potendo fare in occasione delle due reti subite. I gol decisivi come detto sono arrivati in avvio di ripresa, prima Ciciretti con un grande tiro dal limite, e poi l’ex Manuel De Luca con un bell’anticipo sul primo palo. Nonostante in entrambi i casi siano stati gol giunti sugli sviluppi di calcio d’angolo non si può nemmeno parlare di distrazioni quanto di vere e proprie prodezze degli autori.

La reazione dell’Entella arrivava un pochino tardiva dopo che Vivarini aveva rinfrescato centrocampo e attacco. Ad un quarto d’ora dalla fine il gol di Brunori nato da un lancio illuminante da 50 metri di Brescianini addomesticato dall’italo brasiliano e poi concluso con un gran sinistro ad incrociare. Il modo migliore per segnare il suo primo gol in serie B. Nel finale i biancocelesti ci hanno provato in ogni modo ma la difesa del Chievo, non senza qualche affanno, ha controllato al meglio.

L’Entella tornerà in campo venerdi prossimo contro il Pisa cercando di continuare la striscia positiva del Comunale coincisa con le vittorie ottenute contro Pescara e Cittadella.

               

marcobianchi