Eramo e De Luca rilanciano l’Entella. Battuta la Juve Stabia 2 – 0

Torna la vittoria e torna anche la serenità in casa biancoceleste, quella che era venuta meno non tanto per le prestazioni quanto per i risultati condizionati da quella sterilità offensiva che pareva diventare un male  cronico in questa stagione. Oggi l’Entella ha dimostrato di avere una spina dorsale solida e una forza di gruppo notevole che hanno permesso di sconfiggere un cliente per nulla facile come la Juve Stabia reduce da 7 punti nelle ultime 4 partite, squadra in fiducia, con una buona organizzazione di gioco e alcune individualità di spicco.

L’Entella di oggi ha disputato l’unica partita possibile fatta di un grande approccio, tanta determinazione e quel pizzico di cattiveria agonistica che spesso è mancata soprattutto sottoporta. Boscaglia tornava allo schema di inizio campionato rivisto negli uomini con Settembrini per la prima volta dall’inizio al posto di Nizzetto indisponibile e Schenetti dietro alla confermata coppia d’attacco dei “due” De Luca. Nonostante tutti gli appelli e con la sola attenuante meteorologica, ancora una volta l’apporto  del pubblico è rivedibile, 1600  l’attuale zoccolo duro presente in tutte le occasioni.

L’inizio dei biancocelesti fa ben sperare. Nella prima mezz’ora l’Entella costruisce almeno 3 occasioni da rete tenendo distante i giocatori ospiti dalla porta di Contini spettatore infreddolito. Con il passare dei minuti il rischio di ripassare un copione già visto diventa elevato ma a spezzare questo timore poco prima della fine del primo tempo arriva liberatorio il gol biancoceleste sull’asse di due giocatori probabilmente più in forma nel momento entelliano. Manuel De Luca avvia l’azione a centrocampo dove retrocede spesso generosamente per aiutare il reparto, smista il pallone su Sala che mette a centro area dove Eramo compie una giocata degna di altra categoria con un tacco delizioso per la  “zanzara” che si sistema il pallone e batte Russo.

Applausi a non finire per la qualità dell’azione e per l’importanza di un gol liberatorio. Nella ripresa differentemente da altre partite l’Entella non gestisce ma prova a chiuderla prima possibile. Ci provano ancora Eramo, Manuel De Luca e Schenetti ma senza fortuna.  Bisogna attendere ancora il finale per chiudere definitivamente una pratica soltanto in apparenza facile. Ancora la coppia De Luca Eramo stavolta a parti invertite: la “zanzara” crossa da destra il capitano dopo un tentativo di Mancosu sul primo palo incorna imparabilmente sul secondo facendo nuovamente esplodere il Comunale nonostante il nubifragio.

L’esultanza del capitano anche oggi tra i migliori e vero trascinatore, fotografa meglio di ogni altra cosa da una parte la rabbia e la soddisfazione di essere almeno per ora usciti da un tunnel, dall’altra il bisogno di sostegno da parte del pubblico richiamato vistosamente da Eramo. La pioggia non mitiga minimamente la soddisfazione dei giocatori di Boscaglia che gustano questa vittoria a gocce proprio come quelle che hanno caratterizzato il fine gara ma ciò che più conta si torna a marcare 3 punti per staccarsi nuovamente da una zona nella quale in questa stagione l’Entella non ne vuole sapere di cadere.

marcobianchi