Entella solida riprende la Cremonese 1-1

Entella e Cremonese si dividono un punto che per motivi diversi può essere utlie ad entrambi viste le condizioni di emergenza assenze alle quali sia Boscaglia che Rastelli hanno dovuto far fronte. I biancocelesti mancavano in pratica di tutto il reparto centrale con Settembrini Paolucci e Schenetti degnamente sostituiti rispettivamente da Toscano, Mazzitelli e Currarino. Cambio anche in porta con Paroni a sostituire Contini giunto al turno di squalifica e al centro della difesa dove un problema fisico per Pellizzer consigliava l’affidabile conferma di Poli. In panchina oltre agli ultimi arrivi Zaccagno e De Col anche la prima convocazione per i primavera Andreis, Mogos e Buso.

I grigiorossi, squadra costruita senza badare a spese per tentare finalmente il grande ritorno nella massima serie, continuano a navigare al limite della zona play out ed è difficile ipotizzare che nonostante gli ultimi sforzi in tema di mercato a fine anno si possa trovare la Cremo nel lotto di squadre che si giocheranno la promozione. La partenza dei lombardi è tuttavia sorprendente con il gol alla prima palla inattiva: angolo sul secondo palo da dove in posizione impossibile Ciofani riusciva a trovare lo spiraglio tra il palo e Paroni.

Una doccia fredda che dura poco perché l’Entella reduce dall’esaltante rimonta di Livorno, si organizza ben presto nonostante risulti subito evidente una certa assenza di fosforo nel cuore del gioco. Geometrie imprecise, esterni poco sfruttati fino al primo pericolo portato dal solito De Luca con un diagonale sull’esterno della rete in seguito a punizione laterale. Con il passare dei minuti i biancocelesti prendono le misure a centrocampo da dove parte l’azione del pareggio: Mazzitelli scambia con Toscano che fa partire una freccia in profondità sulla quale parte De Luca bravo nel primo controllo, a condurre palla e calciare chirurgicamente in diagonale baciando il palo lontano di Ravaglia.

Per la Zanzara, che fa saltare il Comunale, si tratta del settimo sigillo in una stagione nella quale la sua regolarità di rendimento  si sta rivelando decisiva. La Cremonese reagisce subito ma Piccolo trova i guanti di Paroni a deviare miracolosamente in angolo. Nella ripresa l’Entella è più compatta anche se le occasioni più pericolose inizialmente sono per gli ospiti: Ciofani gira a botta sicura ma trova il corpo di Chiosa a smorzare la palla per Paroni. Poco dopo Rastelli mette dentro Palombi per Valzania e proprio il neoentrato dopo un minuto scende fin dentro l’area ma calcia a lato.

L’Entella torna pericolosa, discesa di De Luca che rientra sul destro si fa spazio ma calcia male sopra la traversa. Poco dopo Coppolaro crossa bene a centro area dove Currarino si avvita bene ma gira alto sulla porta di Ravaglia. Entrano Nizzetto per Eramo, Morra per Mancosu e nel finale Adorjan per Mazzitelli. Nizzetto si fa subito vedere con un gran sinistro che impegna Ravaglia e nel finale entrambe le squadre vanno vicine al vantaggio: inizia la Cremonese con Palombi che approfitta della scivolata di Poli per calciare davanti a Paroni ancora superlativo nella respinta, quindi in pieno recupero Adorjan riceve da Nizzetto un pallone invitante, si coordina alla perfezione ma il suo sinistro al volo termina di poco a lato.

Sono i titoli di coda della partita con la conferma per l’Entella di avere ricambi di valore, compreso il gradito ritorno di De Col, e per la Cremonese che il cammino se non sarà in salita certamente non sarà agevole. Per la trasferta di Frosinone Boscaglia ritroverà Settembrini e Paolucci e chissà che in settimana possa arrivare ancora un tassello che con ogni probabilità dovrebbe andare a puntellare il reparto offensivo.

marcobianchi