Entella meno affamata rischia contro la Pistoiese ma strappa un punto 0 – 0

Niente poker per l’Entella ed anzi una domenica più sofferta del previsto nella quale strappare un punto alla Pistoiese si è rivelato abbastanza faticoso. Il 4° successo si inseguiva per certificare l’uscita da un tunnel di negatività che ha caratterizzato la prima parte di stagione biancoceleste fatta di svariati infortuni e del tempo necessario per forgiare una squadra rinnovata quasi completamente.

La squadra sta maturando e di molto, nell’ultimo mese sono cambiate molte cose soprattutto nell’assetto difensivo 2 gol presi nelle ultime 6 di campionato, buoni miglioramenti anche in attacco,7 gol nelle ultime 5, insomma i numeri iniziano a tornare e quello di Pistoia poteva essere visto come una sorta di esame di ammissione ad un’altra facoltà quella dell’alta classifica. Nessuna bocciatura per carità ma certamente ci si aspettava una prova meno insidiosa alla quale forse l’Entella non si è approcciata nel migliore dei modi.

E’come se dopo i bei voti presi nelle ultime sessioni di esame oggi si sia studiato lo stretto necessario per affrontare una squadra, quella di Sassarini che ha dimostrato sul campo di valere molto di più della sua classifica. Un problema di atteggiamento in alcuni giocatori e un problema tattico con i quinti della Pistoiese a creare diverse superiorità numeriche che hanno messo in grossa difficoltà soprattutto la coppia di sinistra Barlocco, Karic. A destra il “folletto” Martina con qualche accelerazione ha impensierito Cleur ma tutto sommato nel primo tempo sono stati pochissimi i pericoli corsi.

Nella ripresa e con il passare dei minuti la Pistoiese prendeva fiducia arrivando sempre più frequentemente dalle parti di Borra che anche oggi ha dovuto sfoderare un paio di interventi decisivi per tenere imbattuta la propria porta. Volpe come al solito le ha provate tutte inserendo nella partita Morosine e Merkaj ma soprattutto l’apporto del 20 biancoceleste non stato pari a quello offerto domenica scorsa contro il Grosseto.

Nei minuti finali il neo entrato Vano ha messo i brividi agli encomiabili tifosi biancocelesti presenti oggi al Melani anche se l’ultimo brivido, anche questo non da poco lo hanno avuto i tifosi arancioni quando a tempo scaduto Merkaj dopo aver difeso palla in mezzo a due difensori calcia verso la porta di Crespi che in uscita riesce ad intercettare un pallone che avrebbe rappresentato una beffa severa per gli arancioni.

Finisce a reti inviolate, dunque, ma bisognerà ritrovare al più presto quell’umiltà quella voglia di lottare su ogni pallone che aveva portato a conquistare 9 punti in 3 partite. Domenica arriva il Cesena l’asticella si alza ancora, l’esame sarà di quelli tosti per il quale per tutta la settimana bisognerà studiare con il massimo dell’impegno.

           

marcobianchi