Entella dai due volti, ribalta il Pisa con un gran secondo tempo 2 -1

Una vittoria pesante, voluta fortissimamente, sofferta ma alla fine proprio per tutto ciò davvero bella e preziosa. L’Entella stasera, con addirittura 3 dirette televisive, ha mostrato due volti di se tanto lontani quanto comunque appartenenti a questa squadra, talvolta distratta e ingenua, altre volte cinica concreta e mai doma. Il valore della 4° vittoria è inevitabilmente legato alle difficoltà che il Pisa ha creato soprattutto nel primo tempo quando i biancocelesti sembrava avessero fatto un passo indietro tornando poco incisivi in attacco, fragili in difesa soprattutto sulle palle inattive, e confusi nel mezzo dove anche stasera per lunghi tratti si è sentita la mancanza del “faro” Paolucci.

Vivarini alle prese con qualche acciacco e le inevitabili influenze del mercato, schiera dal primo minuto Capello in coppia con Brunori, la gioventu di Cleur a destra, Koutsoupias e Brescianini in mezzo. Il Pisa parte subito forte e prima con Gucher, poi con Soddimo mette i brividi a Russo peraltro sempre attento. Al primo angolo pero i chiavaresi vanno sotto. Caracciolo perso in marcatura dentro l’area deve solo appoggiare in rete di testa. Non reagisce la squadra di Vivarini poco intensa, poco geometrica e con le idee di gioco confuse. Tuttavia proprio allo scadere del tempo un cross di Schenetti vede una “cravatta” di Benedetti ai danni di Capello. Irrati è deciso ad assegnare il penalty che Brunori trasforma con freddezza per il suo secondo centro consecutivo.

Una bella iniezione di fiducia in vista della ripresa che l’Entella affronta con tutt’altro piglio. Soprattutto sulla catena di destra i biancocelesti sfondano a ripetizione sull’asse Cleur, Schenetti, Koutsoupias. Dai loro piedi nascono a ripetizione azioni pericolose sventate da Perilli o dai difensori nerazzurri. Entrambi i tecnici si affidano ai cambi, Vivarini sistema il centrocampo, D’Angelo l’attacco. Nizzetto e Morosini danno geometria e imprevedibilità alla manovra.  A metà ripresa la svolta: Brescianini inizia e rifinisce una splendida azione passata dai piedi di Schenetti e dal tacco di Morosini che permette all’ex Milan di servire a Koutsoupias una palla d’oro,  il “millenial” greco gira di sinistro nell’angolino e segna il gol partita. Festeggia tutta l’Entella tutti i giocatori la panchina e finanche il “bordocampo” impazziscono di gioia.

Il Pisa accusa il colpo. Ancora Koutsoupias pochi minuti dopo, dalla parte opposta, servito da Schenetti calcia sulla traversa da pochi passi. Un risultato importante da difendere con i denti nel finale con Russo che si erge ancora una volta protagonista respingendo i tentativi di Marconi e Marsura, per poi esplodere in un altra gioia collettiva al triplice fischio di Irrati. Un mattone importantissimo nella salvezza in costruzione, ma da domani un bel ricordo da archiviare per affrontare al meglio il prossimo impegno, sempre al Comunale contro un Cosenza che rappresenta una di quelle partite con 6 punti in palio.

Permetteteci un ultima annotazione sul tanto spesso vituperato manto sintetico del “nostro” Comunale, su qualsiasi altro campo questa sera difficilmente si sarebbe potuto giocare o quanto meno difficilmente si sarebbe visto bel calcio vista la quantità esagerata di pioggia caduta negli ultimi giorni, nelle ultime ore e durante la partita. Grazie a chi ogni giorno lavora per mantenere la nostra “bomboniera” e rende ospitale “casa nostra”.

marcobianchi