Entella cinica ed arcigna, vince ancora ed espugna Vicenza 0-1

Altra conferma per l’Entella che batte il Vicenza e conquista la seconda vittoria consecutiva in questo campionato che finalmente inizia a sorridere ai biancocelesti, autori anche stasera di una prova convincente sotto il profilo dell’impegno e della concentrazione supportata da una grande unità d’intenti da parte di tutto il gruppo. Il Vicenza, che domenica aveva sfiorato il colpo grosso a Lecce, era un brutto cliente  da affrontare, l’organico a disposizione di Di Carlo è di buon livello, un bel mix di esperienza e gioventù.

Probabilmente i biancorossi non si aspettavano un’Entella cosi attenta, cosi caparbia e addirittura cinica nell’approfittare di una delle poche occasioni create nel corso della partita. Grandi protagonisti di serata ancora i giovani biancocelesti, la conferma di Russo, strepitoso e decisivo in almeno un paio di interventi, Koutsoupias, al primo centro in campionato e Cleur tornato titolare per l’indisponibilità di Poli ed unica novità nello schieramento di Vivarini. Erano i veneti a dover fare la partita ma l’Entella ha studiato alla perfezione la squadra di Di Carlo bloccandone le fonti di ispirazione e limitando al massimo le pericolose punte Meggiorini e Jallow.

Poche le emozioni in un primo tempo equilibrato nel quale solo De Luca, Guerra  e Jallow creavano problemi ai portieri. Nella ripresa stesso andamento. Vivarini inseriva forze fresche con Brunori e Brescianini per Mancosu e Settembrini. Poco dopo il gol che spaccava la partita: Schenetti invita al cross Cleur che con il suo piede meno pregiato disegna una traiettoria perfetta sul secondo palo dove De Luca calcia e mette in porta Grandi che di piede respinge proprio sull’accorrente Koutsoupias per il più facile dei tap in. Tutti in campo ad abbracciare il giovane greco alla sua prima gioia in campionato dopo quella contro l’Albinoleffe in Coppa Italia.

Passa un minuto e De Luca potrebbe già chiuderla ma stavolta Grandi è decisivo e sventa la botta della zanzara ben servita da Brunori. Dalla panchina altra linfa per il finale di partita dell’Entella con Cardoselli e Crimi per Paolucci e Schenetti. Il Vicenza praticamente mette in campo 4 punte ma il primo pericolo arriva da Gori che esalta ancora i riflessi di Russo. Il vero miracolo tuttavia il giovane portiere ospite lo compie nell’ultimo minuto di recupero quando respinge ancora con un gran riflesso un colpo di testa ravvicinato di Longo.

Al triplice fischio gioia per i due protagonisti del match ma la soddisfazione è plurale di tutto il gruppo che ha saputo ritrovarsi proprio nel momento più difficile facendo in 4 giorni ciò che non era riuscito nei 3 mesi precedenti. Cosi come domenica scorsa la soddisfazione e la sensazione che qualcosa sia cambiato è forte ma non deve distogliere l’attenzione e la tensione di una classifica ancora troppo pericolosa che necessita ancora di “interventi straordinari” come gli ultimi due. Il tempo di archiviare questo 2020 terribile si torna in campo contro il Cittadella domenica prossima

                     

marcobianchi