Brescianini illude l’Entella ma la Reggiana ribalta la partita 2 – 1

Una sconfitta che fa il paio quanto a dolore e importanza con quella di sabato scorso contro il Cosenza. A differenza della battuta d’arresto al Comunale l’Entella oggi ha fatto la sua partita con una buona partenza in entrambi i tempi sfiorando il gol nel primo e trovandolo nel secondo grazie al primo gol di Brescianini. La reazione della Reggiana è stata veemente passata tra i piedi di Laribi che prima si è inventato il gol del pareggio e poi ha servito su un piatto d’argento il raddoppio a Muratore.

Vivarini ha puntato ancora sugli undici di sabato con la sola variazione forzata dell’assenza di Koutsoupias che, gia inserito negli undici, ha risentito durante il riscaldamento di un problema muscolare ed ha lasciato il posto a Mazzocco. Come detto la prova caratteriale si è avuta subito con i biancocelesti a sorprendere la Reggiana con un avvio determinato nel quale Brescianini subito impegna Cerofolini. Pochi minuti dopo l’occasione più ghiotta con Capello che sistema un buon pallone per Schenetti il cui destro potente si infrange su Cerofolini in uscita.

Anche di rimessa l’Entella è attenta a colpire ma Capello, che arriva bene in area, davanti a Cerofolini spara a lato da buonissima posizione. Russo continua a restare inoperoso i suoi compagni ci provano ancora con una punizione di Costa sulla quale si accende una mischia davanti alla porta di casa liberata non senza affanni. Il tempo di tornare in campo e i biancocelesti passano in vantaggio con Mazzocco che serve a Brescianini un buon pallone sul quale il “millennial” libera il suo sinistro a fil di palo imprendibile per Cerofolini. Dopo un minuto Brunori potrebbe raddoppiare ma il suo diagonale è impreciso.

I granata sono bravi a non deragliare e grazie al loro uomo di maggior talento pareggiano la partita dopo 5 minuti: spunto irresistibile di Laribi che su questo campo assieme a mister Vivarini e Ardemagni pochi mesi fa conobbe la beffa della finale play off con il Bari. Si ributtano avanti i chiavaresi la partita è aperta ma pochi minuti dopo ancora Laribi mette al centro un pallone sul quale Ardemagni non arriva ma alle sue spalle c’è il neoentrato Muratore che spinge in rete da pochi passi. Una beffa dalla quale rialzarsi subito. Dalla panchina c’è l’esordio di Dragomir e l’inserimento di Mancosu per Mazzocco e Schenetti. La partita si frammenta la Reggiana difende chiaramente il risultato importante cercando di contenere le sfuriate chiavaresi.

Rientrano Paolucci e De Luca per Nizzetto e Brescianini con un 4 2 4 che vuol dire giustamente rischiare il tutto per tutto nel tentativo di recuperare la parità. Parità che purtroppo non arriva in un finale di gara nel quale si è giocato poco. Come detto è un’altra sconfitta che fa male ma non c è il tempo di pensarci perché mercoledi a Reggio Calabria si gioca un altro match pesante per la salvezza, una gara da non sbagliare assolutamente per non allungare le distanze dalle concorrenti. Oggi la squadra ha dimostrato di esserci per lunghi tratti, bisogna ritrovare una maggior lucidità nei 16 metri finali e la migliore condizione di alcuni giocatori fondamentali che per fortuna pian piano stano tornando in campo.

       

marcobianchi