ENTELLA CON LA TESTA GIUSTA ESPUGNA NOVARA 1 – 2

Mettiamoci la testa era stato il messaggio che per tutta la settimana si era diffuso all’interno dell’ambiente biancoceleste, questa sera al Piola l’Entella la testa ce l’ha messa tutta fino al novantaquattresimo minuto quando il triplice fischio ha sancito una vittoria pesantissima in uno dei momenti più delicati di tutta la stagione. Non era una partita facile e lo si sapeva ma è stata una partita che la squadra potuto preparare finalmente con una settimana di tempo e senza accusare minimamente le pressioni che le inseguitrici hanno messo con gli ultimi risultati

Boscaglia ancora una volta ha dovuto rivedere qualcosa nel suo schieramento per cercare di mettere in campo gli uomini più in forma del momento e, per confermare che l’unico risultato a disposizione era la vittoria, ha schierato un tridente composto da Mota, Caturano e Mancosu. Per il resto la solita Entella con Ardizzone a sostituire l’infortunato capitan Nizzetto, di fronte il Novara che Giuseppe Sannino sta cercando di sistemare in vista dei play-off che sarebbero obiettivo minimo per i piemontesi i quali hanno sicuramente una rosa che meriterebbe di più dell’attuale classifica. 

Come già accaduto a Vercelli l’Entella scendeva in campo con grande personalità e comandava il gioco fin dal primo minuto, Paolucci, consueto ed instancabile catalizzatore di tutti i palloni che passano per il centrocampo ha cercato fin da subito di innescare la profondità delle tre punte Tuttavia nel primo tempo, cosi come nelle ultime settimane, i chiavaresi facevano fatica a creare grossi pericoli verso la porta avversaria, così come è vero che il Novara per tutti i primi 45 minuti non ha mai tirato verso la porta difesa da Paroni. Il pareggio quindi era la giusta conclusione della prima frazione in controllo ma senza pungere.

Ad inizio ripresa, alla prima distrazione, l’Entella veniva punita: sugli sviluppi di un corner a favore mal gestito sulla ribattuta, il Novara innescava a un perfetto contropiede che Gonzalez rifiniva per il giovane Mallamo bravo dal limite a colpire di precisione sotto la traversa. Una doccia fredda che tuttavia non turbava gli uomini di Boscaglia pronti a reagire subito con un tiro di Paolucci a botta sicura respinto dal volto di Sbraga. Pochi minuti dopo ancora Paolucci raccoglieva una respinta della difesa di casa e calciava di sinistro, stavolta era Tartaglia a sdraiarsi per opporsi alla conclusione ma toccando la palla con il braccio a terra. Rigore e secondo giallo per l’esterno di Sannino. Caturano trasformava freddamente dal dischetto

Nel giro di pochi minuti si passava dallo svantaggio al pareggio più superiorità numerica. L Entella deve osare e Boscaglia mette dentro De Luca per Caturano accentrando Mancosu. Mota vola sulla fascia e centra per Mancosu che non arriva bene sul pallone e mette a lato. Poco dopo proprio la “zanzara” si libera bene sul secondo palo per raccogliere un cross di Mota Carvalho su di lui arriva Sbraga che lo trattiene vistosamente inducendo l arbitro a concedere il secondo penalty. Mancosu angolava perfettamente segnando il gol del sorpasso. La partita non era ancora terminata, dentro  Iocolano e Urso per Ardizzone e Paolucci, l’Entella concede pochissimo Boscaglia puntella il centrocampo con Icardi e la partita non regala altre emozioni se non la capacità dei biancocelesti di gestire fino alla fine un risultato di importanza mostruosa.

Giusto il tempo di ringraziare doverosamente i consueti fedelissimi arrivati a Novara quasi in un centinaio e già si va con il pensiero di tutti al derby di sabato contro l’Albissola per il quale mister Boscaglia ha già chiamato a raccolta per l’ennesima volta il pubblico di Chiavari, le partite son sempre meno ma sempre più importanti anche quelle all’apparenza più facili. L’aiuto di tutti può essere fondamentale in ogni occasione da qui alla fine di questa tribolata stagione che l’Entella continua ad affrontare con la stessa immensa dignità che ne ha contraddistinto ogni partita. 

                           

marcobianchi