Under 17, Bonvini: “Risultati sorprendenti ma meritati in un campionato con grandi squadre”

Chiudere in bellezza un percorso già di per sé positivo. L’Under 17 ha terminato il campionato con uno splendido pareggio per 1-1 contro la fortissima Juve, collezionando 11 punti in un girone davvero importante con squadre come, oltre ai bianconeri, Genoa, Torino e Samp, tra le altre. “Sono molto soddisfatto della crescita tecnica e mentale dei nostri giocatori”, ha dichiarato mister Ferruccio Bonvini ai nostri microfoni. “I risultati, se vogliamo, sono stati anche sorprendenti: penso che in pochi avrebbero immaginato di fare 11 punti contro squadre come Juve, Genoa, Torino e non solo. Ma ciò che abbiamo guadagnato, ce lo siamo meritato”.

 

 

Anzi, “forse siamo anche in debito… Ricordo ad esempio i due match contro la Samp nei quali abbiamo avuto alcuni episodi contro. Di certo, consegniamo alla Primavera dei ragazzi pronti”.

 

 

Un grande lavoro in una una stagione “ovviamente condizionata dalla pandemia. L’Entella si è fatta trovare preparata, non si è perso tempo e ci si è quasi sempre allenati. Per quanto riguarda l’Under 17, siamo stati inizialmente fortunati durante gli allenamenti individuali non avendo riscontrato alcuna positività nel gruppo poi, però, in seguito alla vittoria contro il Genoa, 3 ragazzi sono risultati positivi e ci siamo dovuti fermare per 10 giorni. Lì forse abbiamo perso qualcosa”.

 

 

In particolare c’è stato un momento difficile “quando, dopo 3 partite, è stato sospeso il campionato. Per ragazzi di 16-17 anni non è stato facile mantenere la concentrazione. È un’età particolare. Considerando la DAD e tutte le restrizioni di quel periodo, percepivamo inquietudine in loro. Io e il mio staff abbiamo cercato sempre di motivarli facendo loro capire come, nonostante le difficoltà, non avrebbero dovuto mollare per nessun motivo al mondo se il loro obiettivo era realmente fare i professionisti nel calcio un domani”.

 

 

Il momento più bello invece: “La vittoria alla prima di campionato contro il Genoa e il pareggio nell’ultima contro la Juve: entrambe squadre candidate alla vittoria del campionato. Abbiamo saputo giocare alla pari e, anzi, con la Juve forse avremmo meritato anche qualcosina in più”.

 

 

Mister Bonvini tiene particolarmente a raccontare una bellissima storia: “Vorrei parlare di uno dei nostri ragazzi, Fabrizio Benasso che, nonostante un’operazione al Gaslini in seguito ad un tumore al cervello, è tornato ad allenarsi con noi. Al di là delle difficoltà evidenti a causa dell’operazione subita, si è allenato tutto l’anno. In occasione delle partitine, per paura che potesse farsi male, gli chiedevo di fermarsi e lui si rattristiva. Questo in me provocava dispiacere ma anche la consapevolezza che i ragazzi non mollano mai. È stato un vero esempio per tutto il gruppo”.

 

 

Infine, un riferimento anche alla prossima stagione: “A causa della retrocessione della prima squadra in Serie C, come Under 17 non potremo affrontare il campionato nazionale con le squadre di A e B, ma ciò che conta non è il campionato in sé, quanto la crescita dei ragazzi e il loro percorso verso la maturazione calcistica e personale”. Così da poter ricominciare al meglio e con le idee chiare, dopo una stagione positiva conclusa alla grande.