La cantera biancoceleste non si arrende. Buoni risultati nei test match sperando nella ripresa dei campionati

RISULTATI DEI TEST MATCH:

UNDER 17  6/2 2021   ENTELLA  –  SAMPDORIA  3 – 1  –   13/2/2021  ENTELLA  –  SPEZIA  3 – 1

UNDER 16  7/2/2021  SAMPDORIA  –  ENTELLA  4 – 1 –    13/2/2021  ENTELLA  –  SPEZIA  2 – 1

UNDER 15  7/2/2021  SAMPDORIA  –  ENTELLA  0 -7 –     13/2/2021  SPEZIA  –  ENTELLA  0 – 1

Con cautela, ma con lo stesso entusiasmo di sempre, la “cantera” biancoceleste ha ripreso la propria attività agonistica con alcuni test match riservati soprattutto alle formazioni che partecipano ai campionati Nazionali Under 15, 16 e 17. Incrociare i tacchetti con i propri coetanei in una partita vera era un “piacere” che mancava un po’a tutti i nostri ragazzi che non hanno quasi mai smesso di allenarsi, pur nella rigidità dei protocolli anticovid. Anche in queste situazioni ovviamente mai vissute prima si è cercato di trarre aspetti positivi quali la crescita tecnica dei singoli piuttosto che la presenza di vita sociale in un momento nel quale ogni tipo di “contatto” con l’esterno era precluso. Né è uscito un quadro formativo per tutti società, staff e giocatori che anche nei momenti di maggiore difficoltà hanno saputo positivizzare le difficoltà.

Ne abbiamo parlato con i tre allenatori biancocelesti cercando di capire come hanno gestito questa situazione “anomala” e quali possono essere eventuali svantaggi e perché no vantaggi conseguenti a questa attività limitata:

FERRUCCIO BONVINI Allenatore Under 17 Serie A e B

Ovviamente il periodo più difficile è stato quello iniziale con l’imposizione di allenamenti distanziati che ci ha fatto ripensare completamente i nostri metodi di allenamento. In questo senso la disponibilità dei ragazzi è stata massima ed ha reso più semplice il lavoro. Uno degli aspetti che è stato formato di più proprio in conseguenza di queste imposizioni è stata la concentrazione massima applicata non soltanto al lavoro ma anche alle misure di prevenzione che erano adottate prima durante e dopo l’allenamento. Allenarsi senza la partita ha fatto venir meno l’aspetto agonistico, elemento importante nella crescita tecnica dei ragazzi, oltre a qualche amichevole “in famiglia” questi test match hanno fatto riassaporare il piacere di indossare la nostra maglia, affrontare un avversario vero, con una terna arbitrale, una durata normale insomma ne avevamo bisogno. Ho avuto buone indicazioni anche sotto l’aspetto tecnico perché al di la dei risultati noi puntiamo molto sulla coralità del nostro gioco e in queste gare ho visto la squadra giocare con personalità, dominando il gioco e imponendo quelle che sono le nostre caratteristiche. Rimane da lavorare sull’intensità e sul ritmo partita continuando magari con questi test. L’obiettivo finale per questi ragazzi e per noi come staff è quello di portare tanti di loro a misurarsi il prossimo anno in un campionato importante come quello Primavera altro step fondamentale nel loro percorso calcistico.

MASSIMO MELUCCI: Allenatore Under 16 Serie A e B

Un’esperienza nuova per certi versi stimolante ma anche tante difficoltà soprattutto per i ragazzi, a fine del periodo più duro in termini di regole preventive ho fatto loro i complimenti per l’entusiasmo che hanno comunque profuso e per la serietà con cui hanno accettato tutte queste regole. Ecco una delle cose più positive che ho rilevato insieme a loro è proprio il rispetto delle regole in un momento storico nel quale i giovani spesso non ne hanno perché probabilmente noi adulti abbiamo smesso di darne. Sotto l’aspetto tecnico ovviamente è mancato il misurarsi con l’avversario piuttosto che con il compagno quando i contatti erano vietati, abbiamo cercato di sopperire inventando sfide su punizioni tiri in porta a fine allenamento per sostituire le partitelle che da sempre sono il sale per questi ragazzi. I test match ci hanno dato un pò il risultato dei nostri sforzi con grandi miglioramenti sia a livello dei singoli sia sotto l’aspetto collettivo misurarsi con Sampdoria e Spezia ci ha fornito nuovi spunti su cui lavorare ma anche la certezza che il lavoro svolto in questi mesi non è stato vano.

CISCO GUIDA: Allenatore Under 15 Serie A e B

Sono stati mesi di grosse difficoltà per noi come staff e per i ragazzi, la giovane età a mio avviso fa sentire ancora di più la mancanza di contatti, le amicizie, i compagni per questo gli allenamenti erano comunque un momento di incontro pur con tutte le distanze e le misure preventive. Credo questo abbia aiutato molto i ragazzi. Abbiamo dovuto variare le sedi di allenamento per garantire per esempio le docce ai nostri ragazzi alcuni dei quali provenienti da fuori città, dividerli in più spogliatoi, in questo devo ringraziare la società per il supporto organizzativo indispensabile e tutto il mio staff per l’abnegazione e la cura per ogni dettaglio. I ragazzi sono stati encomiabili, abbiamo sofferto qualche quarantena ma in generale non hanno mai mancato un allenamento se non obbligati appunto. Ho riscontrato anche una grande crescita in ciascuno di loro sotto l’aspetto tecnico e mentale, e il campo mi ha confermato questi progressi. Se confronto queste uscite con le prime di campionato vedo ragazzi che hanno fatto passi da gigante e dobbiamo continuare su questa strada cercando di stimolarli ogni giorno, ogni allenamento per sfruttare la loro energia.